Nord Est 2017

1

Ricomporre crescita e territorio

Rapporto Nord Est 2017

Stefano Micelli, Silvia Oliva (a cura di): di Nicola Anzivino, Giuseppe Berta, Gabriele Caragnano, Niccolò Cavina, Rocco Cifarelli, Paolo Collini, Luca De Pietro, Alberto Felice De Toni, Ilvo Dimanati, Vladi Finotto, Davide Girardi, Andrea Goldstein, Alberto Martinello, Antonio Matonti, Franco Migliorini, Valeria Minghetti, Stefano Micelli, Federica Montaguti, Silvia Oliva, Onofrio Rota, Roberto Santolamazza, Stefano Soriani, Gianluca Toschi, Paolo Verri

Nel corso del 2016, il Nord Est ha messo in evidenza segni di ripresa che, tuttavia, suggeriscono un ottimismo contenuto. Quanto emerge da un’analisi fine della dinamica economica e sociale parla di un territorio che conosce una crescente difficoltà nel mantenere competitività e coesione. Aumenta la divaricazione nei risultati delle imprese, la classe media evidenzia un disagio crescente e diventa sempre più palese la difficoltà del Nord Est nel trattenere i propri giovani e nell’attrarre talenti dal mondo. Solo la costruzione di una nuova prospettiva economica e culturale condivisa, capace di tenere insieme processi di internazionalizzazione, innovazione tecnologica e inclusione sociale, potrà rinsaldare i legami fra crescita e territorio.

Sintesi_NE2017[1]

Presentazione NE2017 

Rassegna stampa
Vvox – Nordest, i giovani scappano
Il Giornale di Vicenza – Nord Est col fiatone e i talenti scappano «Ma può ripartire»
Corriere del Veneto – «Territorio e cervelli, il Nordest deve diventare più attrattivo»
Linkiesta – Stefano Micelli: «Export giù, classe media in crisi: serve un asse con Milano e Torino per rilanciare il Nord Est»

Condividi.