Indice di competitività regionale

1

Regional competitiveness index

Cos’è

La Commissione Europea ha pubblicato l’indice di competitività regionale 2016 (Regional Competitiveness Index RCI). L’indicatore, lanciato nel 2010 e pubblicato ogni tre anni, consente alle regioni di monitorare e valutare la loro evoluzione nel tempo e di confrontarsi con le altre regioni europee.

L’indice di competitività regionale è un indicatore composito che estende la tradizionale analisi della competitività come misura puramente economica. RCI valuta, infatti, anche alcuni indicatori sociali per poter considerare il benessere dei cittadini. Attraverso il calcolo del RCI la Commissione fornisce un contributo al dibattito in corso sulla proposta di misurare la prosperità non solo in base al prodotto interno lordo (PIL), ma anche attraverso una serie di altri criteri che riguardano appunto il benessere dei cittadini – come salute o capitale umano (Stiglitz et al., 2009).

In maniera molto sintetica la definizione di competitività regionale alla base della RCI può quindi essere riassunta come: “la capacità di offrire un ambiente attraente e sostenibile per le imprese e i residenti dove vivere e lavorare”.

Come si calcola

L’indicatore di competitività regionale considera 74 indicatori (RCI Indicatori dettaglio) che fanno riferimento a tre macro ambiti: condizioni di base, efficienza e innovazione. Ognuno di questi tre macro-ambiti comprende una serie di “pilastri”.

Rispetto alle condizioni di base vengono considerati cinque pilastri: (1) Istituzioni; (2) stabilità macroeconomica; (3) Infrastrutture, (4) Salute e (5) istruzione di base. L’efficienza si articola attorno a tre pilastri: (6) istruzione superiore, formazione e apprendimento permanente, (7) efficienza del mercato del lavoro e (8) dimensioni del mercato, mentre l’innovazione si compone di tre pilastri: (9) preparazione tecnologica, (10) articolazione del contesto economico e produttivo e (11) livello di innovazione.

Fig. 1 – Struttura dell’indicatore
Fonte: Annoni P., Dijkstra L., Gargano N. (2017),

Per calcolare l’indicatore sintetico gli indicatori settoriali vengono pesati a seconda del livello di PIL pro capite (una proxy dello stadio di sviluppo). Per le regioni con PIL pro capite più elevato gli indicatori relativi all’innovazione contano di più che per quelle con PIL pro capite più basso. Al contrato gli indicatori riconducibili alle condizioni di base sono più importanti nella determinazione dell’indice sintetico per le regioni con livelli di sviluppo inferiori.

Fig. 2 – Struttura dei pesi per gli indicatori

I principali dati del 2016

Bibliografia:

Annoni P., Dijkstra L., Gargano N. (2017), The EU Regional Competitiveness Index 2016, European Commission Working Paper, WP 02/2017 http://ec.europa.eu/regional_policy/en/information/publications/working-papers/2017/the-eu-regional-competitiveness-index-2016
Stiglitz, Joseph, Amartya Sen, and Jean-Paul Fitoussi. “The measurement of economic performance and social progress revisited.” Reflections and overview. Commission on the Measurement of Economic Performance and Social Progress, Paris (2009).

Condividi.